winner – premio architetto italiano 2019

image

Gli architetti “bravi” vanno premiati perché, con le loro opere, contribuiscono a migliorare la vita dei singoli e delle comunità testimoniando, nel contempo, come l’architettura, dando forma ai luoghi in cui si svolge la vita di tutti i cittadini, sia un bene comune ed abbia quindi una valenza politica.

E’ con questo spirito che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha bandito, nell’ambito della Festa dell’Architetto 2019 ed unitamente alla rete degli Ordini territoriali, i tradizionali Premi “Architetto Italiano” e “Giovane talento dell’Architettura italiana”.

Venezia, 15 novembre 2019. Lo studio Bergmeisterwolf architekten di Gerd Bergmeister e Michaela Wolf e BDR Bureau di Alberto Bottero e Simona Della Rocca sono i vincitori, rispettivamente, dei Premi “Architetto italiano 2019” e “Giovane Talento dell’Architettura italiana 2019”.

Per il primo, ad essere premiato è stato il progetto dell’Hotel Belvedere, a San Genesio (Bolzano) che, secondo la giuria presieduta da Winy Maas, fondatore dello studio MVRDV, direttore di Domus per il 2019, come opera di nuova costruzione “risponde al contesto con attenzione ai materiali e con una audace soluzione formale”.

Al vincitore del Premio “Architetto italiano 2019” – lo studio bergmeisterwolf – è andata anche la menzione per la categoria “Opere di nuova costruzione”.