sopra bolzano hotel belvedere

l’architettura si muove in un parallelismo con gli strati di elevazione naturale, assorbe il loro movimento, la loro rotondità, e diventa parte del paesaggio. l’edificio si trova su un pendio roccioso, si apre verso l’ambiente circostante con le sue logge, e ritma la facciata con elementi verticali. la materialità del il cemento, unito al porfido rossastro del sito, si aggrappa alla roccia e ne diventa parte. la proiezione della curvatura si fonde nel verde del paesaggio, estende la facciata e la caratterizza. il paesaggio si estende sopra il tetto e lo circonda, accogliendolo.

hotel belvedere